Social

Corato - venerdì 17 febbraio 2017 Attualità

L'incarico

Don Claudio Maino nuovo responsabile diocesano per la pastorale giovanile

È stato nominato nei giorni scorsi da mons. Giovan Battista Pichierri

Don Claudio Maino © n.c.
di La Redazione

È coratino il nuovo responsabile del servizio diocesano per la pastorale giovanile. Si tratta di don Claudio Maino, nominato nei giorni scorsi da mons. Giovan Battista Pichierri.

Nella stessa circostanza, il vescovo ha nominato don Domenico Savio Pierro responsabile della pastorale giovanile per Barletta e don Davide Abascià nuovo incaricato regionale per la pastorale giovanile.

Quest'ultima è una nomina fatta d’intesa con la Conferenza episcopale pugliese, che - oltre a svolgere un lavoro di coordinamento a livello regionale -  porterà il sacerdote a rappresentare le chiese pugliesi nella rete nazionale della pastorale giovanile.

«Sono contento di servire la Chiesa di Puglia coordinando il servizio regionale di pastorale giovanile» spiega don Davide Abascià».

«Sono stato chiamato a essere strumento di raccordo e di comunione tra gli incaricati diocesani di pastorale giovanile, il progetto Policoro, movimenti e associazioni che lavorano per e con gli adolescenti e i giovani pugliesi.

Ringrazio i vescovi di Puglia per la fiducia accreditatami. Il ministero di educatore al seminario regionale e il servizio per la pastorale giovanile mi permettono di avere uno sguardo vocazionale più ampio sulla nostra regione. L'augurio che faccio a me e a tutti è quello di dare una connotazione prospettica e progettuale al nostro servizio attraverso una formazione orientata al bene dei ragazzi e delle ragazze che ci sono stati affidati».

Lascia il tuo commento
La pubblicazione dei commenti deve rispettare alcune Regole di buon costume e rispetto nei confronti degli altri
Clicca qui per maggiori dettagli
Commenta
  • Violano la legge sulla stampa
  • Sono contrari alle norme imperative dell’ordine pubblico e del buon costume
  • Contengono affermazioni non provate e/o non provabili e pertanto inattendibili
  • Sono scritti in chiave denigratoria
  • Contengono offese alle istituzioni o alla religione di qualunque fede
  • Incitano alla violenza e alla commissione di reati
  • Contengono messaggi di razzismo o di ogni apologia dell’inferiorità o superiorità di una razza, popolo o cultura rispetto ad altre
  • Contengono messaggi osceni o link a siti vietati ai minori
  • Includono materiale coperto da copyright e violano le leggi sul diritto d’autore
  • Contengono messaggi pubblicitari, promozionali, catene di S. Antonio e segnalazioni di indirizzi di siti web non inerenti agli argomenti trattati
  • Contengono messaggi non pertinenti all’articolo al quale si riferiscono.
Chiudi Non visualizzare di nuovo