Le bellezze, come le storie, della nostra Corato da sempre solleticano l’estro creativo dei cittadini più sensibili

“U Palazze de re pète pezzute”, una poesia sul “diamante di Corato”

Domenico Mazzilli, dopo aver letto dei lavori di restauro realizzati sulle facciate esterne di palazzo De Mattis, ha affidato alla nostra redazione la sua poesia

Attualità
Corato venerdì 17 febbraio 2017
di La Redazione
Rinasce il palazzo
Rinasce il palazzo "delle pietre pizzute" © CoratoLive.it

Le bellezze, come le storie, della nostra Corato da sempre solleticano l’estro creativo dei cittadini più sensibili. Così è avvenuto anche oggi: Domenico Mazzilli, dopo aver letto dei lavori di restauro realizzati sulle facciate esterne di palazzo De Mattis, ha affidato alla nostra redazione la poesia “U Palazze de re pète pezzute”.

Di seguito pubblichiamo il componimento in vernacolo coratino e la relativa traduzione.

“U Palazze de re pète pezzute”

O cendre de Quarate
stè nu palazze aggarbate
stè proprie o cèndre du paise
u palazze De Matteis
è passate tanda prove
stè dà do 1579.

Re facciate sonde belle e ‘mportante
pe re pète a forme de diamande
peddenne è canesciute
accamme u palazze de re pète pezzute
e ciocche ca vàite chedde pete ‘nziste ‘nziste
capisce subbete ca cudde palazze u è fatte nu artiste
‘Mbonde o mure ca dè saupe a la vie de Rome
stè nu stemme senza nome
ca da Patroni Griffe fu appennute
percè a chedda famigghje u palazze ava appartenute.

Stàie ne picche arrunate
ma mo è state restuaurate
tutte ne studie e na filosofia
pe fau u stesse accamme quande nascì
e adacchessì arreccettate
è certamente un diamande de Quarate

Il Palazzo dalle pietre puntite

Al centro di Corato
vi è un bel palazzo
sta proprio al centro del paese
il palazzo De Mattis
ha sopportato tante prove
sta là dal 1579.

Le facciate sono belle ed importanti
con quelle pietre a forma di diamante
perciò è conosciuto
come il palazzo dalle pietre appuntite
e chiunque veda quelle pietre così evidenti
capisce subito che quel palazzo è opera di un artista.

All’angolo sul muro che da su via Roma
vi è uno stemma senza scritta
che dai Patroni Griffi fu posto
perché a quella famiglia il palazzo è appartenuto.

Stava un po’ rovinato
ma ora è stato restaurato
tutto uno studio della sua storia
per farlo uguale a come era in origine
e così sistemato
è certamente un diamante di Corato.

Lascia il tuo commento
commenti
Le più commentate
Le più lette