A pochi mesi dal 150esimo anniversario della sua nascita - che verrà celebrato nel prossimo aprile con un convegno internazionale - sta per essere pubblicata una ricca biografia della Serva di Dio

La vita e gli scritti di Luisa Piccarreta raccolti in una biografia

Il libro, curato dalla prof.ssa Maria Rosaria Del Genio che da tempo si dedica in modo particolare allo studio della storia della mistica, verrà presentato mercoledì 3 settembre alle 19 presso il chiostro del palazzo di Città

Attualità
Corato venerdì 29 agosto 2014
di La Redazione
Luisa Piccarreta
Luisa Piccarreta © n.c.

In attesa della conclusione della causa di santificazione, la vita e gli scritti di Luisa Piccarreta continuano ad avvicinare ed appassionare tanta gente.

Ora, a pochi mesi dal 150esimo anniversario della sua nascita - che verrà celebrato nel prossimo aprile con un convegno internazionale - sta per essere pubblicata una ricca biografia della Serva di Dio.

Il libro, curato dalla prof.ssa Maria Rosaria Del Genio che da tempo si dedica in modo particolare allo studio della storia della mistica, verrà presentato mercoledì 3 settembre alle 19 presso il chiostro del palazzo di Città.

Oltre all’autrice, saranno presenti l’Arcivescovo di Trani, Mons. Giovanni Battista Pichierri - che ha curato la postfazione del testo - ed il sindaco di Corato, Massimo Mazzilli. L'incontro sarà moderato dal giornalista Giuseppe Cantatore. La presentazione, voluta dall'Arcidiocesi di Trani-Barletta -Bisceglie e dall'associazione Luisa Piccarreta P.F.D.V, è patrocinata dal Comune di Corato e dal Rotary Club Corato.

Luisa Piccarreta nasce a Corato la mattina del 23 aprile 1865. Alla sera dello stesso giorno è battezzata nella Chiesa Madre. Suo padre, di professione colono, conduce i campi di un ricco proprietario e con la sua famiglia si trasferisce, nei periodi estivi, in una masseria sull’altopiano delle Murge. Luisa frequenta i primi anni della scuola elementare presso le suore. Da bambina preferisce stare molto tempo nascosta per immergersi in lunghe meditazioni e preghiere.

Ma la sua vita ha una svolta decisiva verso i 12 anni quando si manifesta un misterioso stato di sofferenza che la costringe a letto e la lascia in uno stato di profondo assopimento. Nonostante le cure mediche, si constata che solo la benedizione di un sacerdote le permette di uscire da quel suo “solito stato”. Luisa offre la sua sofferenza a beneficio dell’umanità accettando fino alla sua morte il completo allettamento durato circa 70 anni.

La sua singolare condizione induce l’Arcivescovo di Trani ad affidarla stabilmente alle cure spirituali di un sacerdote. Fondamentale risulta l’apporto di don Gennaro De Gennaro, il quale dopo aver ascoltato quanto le accadeva durante i suoi stati di assopimento, le dà l’«obbedienza» di scrivere il Diario, compito al quale Luisa, con grandissima ripugnanza, resterà fedele, vergando circa 10 mila pagine, dal 28 febbraio 1899 al 28 dicembre 1938. Il tema principale è la Divina Volontà e come in Essa si possa Vivere.

La sua vita quotidiana nulla ha di straordinario. Si sostiene con il suo lavoro al “tombolo” e, con la sorella Angelina che l’accudisce, accoglie le ragazze che vogliono apprenderne l’arte. Le è concessa la facoltà di poter assistere alla Celebrazione eucaristica in casa. Il suo costante atteggiamento di nascondimento però non le scontò la fama che attirava sacerdoti e laici da ogni parte, suscitando anche qualche malumore. Quando il 4 marzo 1947 “Luisa la santa” - come i suoi concittadini usavano chiamarla - parte per la casa del Padre, Corato si ritrova, per tre giorni, invasa da migliaia di persone. Non è passato un anno e l’Arcivescovo di Trani la dichiara “Serva di Dio”.

Dal 1987 l’Associazione pubblica di fedeli Luisa Piccarreta - Piccoli Figli della Divina Volontà, cura la raccolta delle testimonianze e la diffusione della spiritualità della Divina Volontà. Il 20 novembre del 1994 con il “non obstare” della Santa Sede è aperta l’Inchiesta diocesana sulla vita, virtù e fama di Santità, conclusa il 29 ottobre 2005 con la trasmissione degli atti alla Santa Sede.

Lascia il tuo commento
commenti
I commenti degli utenti
  • Sabino Pavone ha scritto il 14 agosto 2016 alle 18:04 :

    Il mistero dei mistici del sud mi confermano che la mano celeste tocca dove tocca.... La Puglia è terra predestinata ad un compito speciale.. Tradurre questi sani sentimenti in pensieri fecondati dalla amore universale. Rispondi a Sabino Pavone

Le più commentate
Le più lette